• Tue. Sep 27th, 2022

Sintomi, diagnosi, trattamenti e vaccini del vaiolo delle scimmie

ByGruppo Successo

Aug 6, 2022

Un operatore sanitario entra in un reparto di isolamento costruito come misura precauzionale per i pazienti affetti da vaiolo delle scimmie in un ospedale civile ad Ahmedabad il 25 luglio 2022. — AFP
Un operatore sanitario entra in un reparto di isolamento costruito come misura precauzionale per i pazienti affetti da vaiolo delle scimmie in un ospedale civile ad Ahmedabad il 25 luglio 2022. — AFP

PARIGI: L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato il vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria globale nel fine settimana, poiché crescono le richieste di un’azione rapida per fermare la diffusione del virus.

Finora quest’anno sono stati registrati oltre 16.000 casi confermati in 75 paesi, ha affermato l’OMS lunedì.

Ecco una panoramica dei sintomi, diagnosi, trattamenti e vaccini.

Sintomi

I primi sintomi possono includere febbre, mal di testa, dolori muscolari acuti, affaticamento, eruzioni cutanee, nonché linfonodi ingrossati e dolorosi.

Circa uno o tre giorni dopo la comparsa della febbre, un’eruzione cutanea può trasformarsi in lesioni cutanee dolorose e piene di liquido.

Dopo alcuni giorni o settimane, le lesioni o le piaghe si trasformano in croste, prima di cadere.

Il vaiolo delle scimmie è endemico da tempo nell’Africa centrale e occidentale. In altri paesi che hanno registrato casi da maggio, le lesioni sono state più comuni intorno ai genitali e all’ano, oltre che sulla bocca.

Lunedì, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha ampliato il suo elenco di sintomi per includere solo una o due lesioni genitali o anali, oltre a dolore o sanguinamento rettale.

I sintomi sono variati tra i pazienti, tuttavia. Di solito durano da due a quattro settimane e il virus è contagioso fino a quando l’eruzione cutanea non è completamente guarita.

Diagnosi

Secondo l’OMS, la maggior parte dei recenti casi globali riguarda uomini che sono stati fisicamente intimi con uomini e sono stati recentemente con un nuovo partner.

Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine la scorsa settimana ha rilevato che il 98% delle persone infette erano uomini gay o bisessuali e il 95% dei casi è stato trasmesso attraverso l’attività sessuale.

La diagnosi del virus può essere difficile a causa dei suoi sintomi incoerenti, che possono assomigliare alle infezioni sessualmente trasmissibili, hanno avvertito diverse autorità sanitarie.

L’Europa è stata l’epicentro dell’epidemia, con molti casi tra i giovani che vivono nelle città, secondo l’OMS.

La conferma di un caso di vaiolo delle scimmie può richiedere un test PCR o un campione o una biopsia di una lesione cutanea.

Quelli con potenziali casi devono isolarsi in attesa dei risultati del test. Una volta confermato il virus, si consiglia l’isolamento per tre settimane.

Il vaiolo delle scimmie è stato rilevato nello sperma ma non è considerato una malattia a trasmissione sessuale, si diffonde invece attraverso uno stretto contatto fisico. Il Centro europeo per la prevenzione delle malattie (ECDC) raccomanda di utilizzare un preservativo per 12 settimane dopo la guarigione.

Trattamento

La malattia di solito guarisce da sola dopo due o tre settimane, a volte impiegando un mese.

In molti casi, l’unico trattamento necessario è affrontare i sintomi, come alleviare la febbre o alleviare il prurito.

A volte le lesioni possono diventare estremamente dolorose, tuttavia, richiedendo seri antidolorifici o addirittura cure ospedaliere.

I casi più gravi sono stati osservati nei bambini, nelle donne in gravidanza e nelle persone con un sistema immunitario compreso.

Finora non sono stati segnalati decessi in Europa o negli Stati Uniti.

Si consiglia alle persone con vaiolo delle scimmie di non graffiare le lesioni, poiché ciò potrebbe diffondere il virus o lasciare una cicatrice, e di coprirle per evitare la tentazione.

L’Agenzia Europea dei Medicinali ha approvato un farmaco contro il vaiolo, Tecovirimat, per il trattamento del vaiolo delle scimmie.

Vaccini

È stato anche scoperto che un vaccino contro il vaiolo della casa farmaceutica danese Bavarian Nordic, commercializzato con il nome di Jynneos negli Stati Uniti e Imvanex in Europa, protegge dal vaiolo delle scimmie.

La Commissione europea ha approvato lunedì il suo uso per il vaiolo delle scimmie.

Secondo l’ECDC, può anche avere un “significativo effetto protettivo” se somministrato entro quattro giorni dall’esposizione a un caso di vaiolo delle scimmie.

Paesi come Gran Bretagna, Canada, Francia e Stati Uniti hanno iniziato a offrire la vaccinazione alle persone più a rischio di contrarre il virus.

Il vaccino viene somministrato in due dosi, a distanza di almeno 28 giorni l’una dall’altra. Ma per le persone vaccinate contro il vaiolo da bambini, una dose è sufficiente. Per le persone con sistema immunitario compreso, si raccomanda una terza dose.

Poiché i vaccini non forniscono una protezione immediata o totale, le autorità sanitarie consigliano cautela dopo aver ricevuto un’iniezione.

Gli Stati Uniti hanno anche molte dosi del vaccino contro il vaiolo ACAM2000 di vecchia generazione, ma non è raccomandato a tutti a causa dei significativi effetti collaterali.

Source link