Il tempo di gioco non ha alcun legame con i livelli di benessere, rileva uno studio