• Wed. Sep 28th, 2022

La guerra aerea del COVID si perde, avvertono gli esperti, sollecitando la ventilazione di massa

ByGruppo Successo

Aug 7, 2022

La guerra aerea del COVID si perde, avvertono gli esperti, sollecitando la ventilazione di massa

PARIGI: Il mondo non sta ancora usando una delle sue armi più efficaci contro il COVID – ventilare adeguatamente gli spazi pubblici – da oltre due anni all’inizio della pandemia, avvertono gli esperti.

Al momento c’è una “pace fragile e armata” con il COVID-19, ha affermato Antoine Flahault, direttore dell’Istituto di salute globale dell’Università di Ginevra.

“Nella speranza di arginare la marea della pandemia e ridurre la mortalità, dobbiamo ridurre il livello di contaminazione, cosa che il vaccino non può fare da solo”, ha detto all’AFP.

“Abbiamo bisogno di una nuova fase: migliorare la qualità dell’aria interna”.

Il COVID-19 si trasmette principalmente per via aerea. Viene trasportato in grandi goccioline o aerosol fini quando una persona infetta respira, e ancora di più quando parla, canta o grida.

In una stanza chiusa o poco ventilata, questi aerosol possono rimanere nell’aria per qualche tempo, spostandosi nello spazio e aumentando notevolmente il rischio di infezione.

Sebbene sia generalmente accettato che il coronavirus possa essere trasmesso entro due metri (6,5 piedi) sia tramite goccioline che aerosol, non c’è ancora consenso sull’importanza della trasmissione per via aerea a lunga distanza all’interno.

Un team di ricercatori dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito e dell’Università di Bristol ha esaminato 18 studi in diversi paesi sulla trasmissione per via aerea.

In una ricerca pubblicata sul BMJ questa settimana, hanno scoperto che le persone possono infettarsi a vicenda quando si trovano a più di due metri di distanza l’una dall’altra.

Apri quella finestra

Sappiamo per certo una cosa: se si apre una finestra o si ventila bene uno spazio, gli aerosol portatori di virus si dissipano come fumo.

Ma gli esperti affermano che non si sta facendo abbastanza per ventilare gli spazi pubblici e privati ​​in tutto il mondo.

“Nel complesso, questa è una questione che i governi non hanno ancora affrontato”, ha affermato Flahault.

Ha chiesto un massiccio aumento di fondi per ventilare molti spazi pubblici, a cominciare da scuole, ospedali, trasporti pubblici, uffici, bar e ristoranti.

“Proprio come sapevamo filtrare e trattare l’acqua potabile” nelle case all’inizio del 1900, “si può immaginare che alcune famiglie si doteranno di purificatori d’aria e prenderanno in considerazione l’apertura delle finestre”, ha detto Flahault.

Solo pochi paesi hanno annunciato piani di ventilazione dall’inizio della pandemia.

A marzo il governo degli Stati Uniti ha invitato tutti i proprietari e gli operatori di edifici, nonché le scuole e le università, ad “adottare strategie chiave per migliorare la qualità dell’aria interna”.

Il piano, soprannominato Clean Air in Buildings Challenge, è coperto da finanziamenti COVID-19 precedentemente annunciati e include anche una revisione dei sistemi di ventilazione, riscaldamento e condizionamento esistenti.

L’Unione Europea non ha rilasciato dichiarazioni vincolanti sul miglioramento della qualità dell’aria alla luce del coronavirus.

Tuttavia, il Belgio ha annunciato un piano per avere un misuratore di anidride carbonica situato in tutti i luoghi aperti al pubblico. Avere un tale contatore è volontario fino alla fine del 2024, quando diventa obbligatorio.

Stephen Griffin della School of Medicine dell’Università britannica di Leeds si è lamentato del fatto che il Regno Unito non avesse agito di più sulla ventilazione.

“Purtroppo, il Regno Unito non ha colto l’opportunità di salvaguardare i suoi cittadini negli spazi pubblici, i suoi bambini nelle scuole o la longevità del programma di vaccinazione in questo modo”, ha detto al Science Media Center.

Ha affermato che la definizione di standard minimi di sicurezza per la ventilazione negli edifici pubblici “attenuerebbe notevolmente l’impatto di altre malattie”.

“Una migliore ventilazione migliora anche la cognizione riducendo i livelli di anidride carbonica e, insieme alla filtrazione, può ridurre l’impatto del polline e di altre allergie”.

Source link