• Wed. Oct 5th, 2022

L’OMS afferma che il vaiolo delle scimmie non è attualmente un’emergenza sanitaria globale

ByGruppo Successo

Aug 8, 2022

La maggior parte dei nuovi casi di vaiolo delle scimmie sono stati registrati in Europa Handout.  Foto: AFP/file
La maggior parte dei nuovi casi di vaiolo delle scimmie sono stati registrati in Europa Handout. Foto: AFP/file

GINEVRA: Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato sabato che l’epidemia di vaiolo delle scimmie è stata una minaccia in evoluzione profondamente preoccupante, ma al momento non rappresenta un’emergenza sanitaria pubblica globale.

Il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha convocato giovedì un comitato di esperti per decidere se lanciare l’allarme più forte dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite sull’epidemia, che ha colpito principalmente l’Europa occidentale.

Un’ondata di casi di vaiolo delle scimmie è stata rilevata dall’inizio di maggio al di fuori dei paesi dell’Africa occidentale e centrale, dove la malattia è endemica da tempo. La maggior parte dei nuovi casi si è verificata nell’Europa occidentale.

Più di 3.200 casi confermati e un decesso sono stati segnalati all’OMS da oltre 50 paesi in totale quest’anno.

“Il comitato di emergenza ha condiviso serie preoccupazioni sulla portata e sulla velocità dell’attuale epidemia”, rilevando molte incognite sulla diffusione e le lacune nei dati, ha affermato Tedros dopo aver esaminato il loro rapporto, che ha affermato che rappresentava una posizione di consenso tra i diversi membri del comitato visualizzazioni.

“Nel complesso, nel rapporto, mi hanno avvisato che in questo momento l’evento non costituisce un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale (PHEIC), che è il massimo livello di allerta che l’OMS può emettere, ma hanno riconosciuto che la convocazione del comitato stesso riflette la crescente preoccupazione per la diffusione internazionale del vaiolo delle scimmie”.

– Comitato di 16 membri –

Tedros ha annunciato il 14 giugno che avrebbe convocato un comitato di emergenza per valutare se l’epidemia costituisse una PHEIC.

L’epidemia nei paesi recentemente colpiti continua ad essere principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e che hanno riferito di rapporti sessuali recenti con partner nuovi o multipli, ha detto all’incontro di giovedì.

Ci sono state sei dichiarazioni PHEIC dal 2009, l’ultima è stata per Covid-19 nel 2020, anche se la lenta risposta globale al campanello d’allarme risuona ancora nella sede dell’OMS a Ginevra.

Una PHEIC è stata dichiarata dopo una terza riunione del comitato di emergenza il 30 gennaio. Ma è stato solo dopo l’11 marzo, quando Tedros ha descritto la situazione in rapido peggioramento come una pandemia, che molti paesi sono sembrati rendersi conto del pericolo.

I normali sintomi iniziali del vaiolo delle scimmie includono febbre alta, linfonodi ingrossati e un’eruzione cutanea simile alla varicella.

Il comitato di emergenza dell’OMS sul vaiolo delle scimmie, composto da 16 membri, è presieduto da Jean-Marie Okwo-Bele della Repubblica Democratica del Congo, ex direttore del Dipartimento per i vaccini e le vaccinazioni dell’OMS.

È co-presieduto da Nicola Low, professore associato di epidemiologia e medicina della salute pubblica dell’Università di Berna.

Gli altri 14 membri provengono da istituzioni in Brasile, Gran Bretagna, Giappone, Marocco, Nigeria, Russia, Senegal, Svizzera, Thailandia e Stati Uniti.

Alla riunione ibrida di giovedì hanno preso parte anche otto consulenti provenienti da Canada, Repubblica Democratica del Congo, Sud Africa, Svezia, Svizzera e Stati Uniti.

Source link