Può una sonnolenta cittadina giapponese diventare la Silicon Valley asiatica?