La start-up tecnologica nega di rendere “bianche” le voci dei call center