Twitter e Meta respingono la campagna di propaganda pro-USA