I produttori di chip statunitensi colpiti dalla nuova regola sulle esportazioni cinesi